it Italian

Gabriele Galimberti

In Her Kitchen

Il manzo a fettine viene saltato in padella, il pane cuoce nel forno finché la crosta non diventa croccante, il salmone viene servito con rametti di aneto e del limone tagliato a fettine sottili e l’iguana cuoce lentamente nel latte di cocco: in numerose cucine di tutto il mondo il cibo viene cotto, bollito, saltato in padella o cotto al forno. 

Ma i piatti si rivelano particolarmente deliziosi quando a prepararli sono le nonne, perché è nella cucina delle nonne che gli odori più fragranti si mescolano con le prelibatezze speciali, i ricordi d’infanzia e le molteplici emozioni. 

È stata proprio sua nonna Marisa a ispirare il fotografo italiano Gabriele Galimberti a girare il mondo per sbirciare nelle pentole delle nonne: “Come se stessi andando a svolgere il mio primo incarico – che mi avrebbe poi portato in giro per il mondo per due anni – mi chiese: ‘Cosa mangerai? Chi ti preparerà da mangiare?’ Scoppiai a ridere e risposi: ‘Non preoccuparti nonna. Il mondo è pieno di nonne che sanno cucinare bene. Proprio come te, hanno sempre cucinato con amore per i loro nipoti. Ti prometto che andrò a mangiare nelle loro case e, per dimostrarti quanto mi trattano bene, ti porterò le foto dei piatti che cucineranno per me e anche le copie delle loro ricette’. Così è nato il progetto In Her Kitchen, racconta Gabriele.

In senso lato, questo viaggio avventuroso ha dato vita a un libro di cucina, ma allo stesso tempo è molto di più… È il ritratto di donne molto diverse tra loro in tutto il mondo, ma accomunate da un’unica attività: cucinare per i propri cari. Nel suo viaggio per il mondo, Gabriele Galimberti non solo ha imparato a cucinare diversi piatti preferiti, ma ha anche ascoltato le storie della vita e dei Paesi da cui provengono le nonne.

In cucine che non potrebbero essere più diverse, il fotografo ha scoperto un’abbondanza di ingredienti esotici che sono facilmente reperibili a livello locale, ma che non si possono sempre acquistare al negozio di alimentari dietro l’angolo. Oltre a questa lista di ingredienti, senza dubbio considerevole, Galimberti ha fotografato numerose tradizioni e peculiarità regionali: in Alaska, ad esempio, è usanza cuocere sulla piastra sfrigolante un pezzo di alce che spesso, per sua sfortuna, è stato ucciso proprio dall’auto del proprietario della griglia; in Malawi si raccolgono i bruchi solo per usarli in forma essiccata, qualche mese dopo, in una delle proprie pietanze. In Germania, la padrona di casa prepara ironicamente i “cavalieri poveri” al desco familiare e in Colombia, la “Regina del fritto” getta con passione le sue arepas in enormi quantità di olio bollente.

Ciò che accomuna tutti questi piatti, tradizioni culinarie e ingredienti è che servono principalmente a uno scopo: compiacere e dare soddisfazione! I piatti, semplici o sofisticati che siano, sono sempre deliziosi. E, al di là della funzione ordinaria del nutrimento, sono speciali. Speciali per le famiglie, i figli e i nipoti per i quali vengono preparati.

Biografia

Gabriele Galimberti (1977, Arezzo, Italia) è un fotografo italiano che “vive” spesso in aereo e occasionalmente in Val di Chiana (Toscana), dove è nato e cresciuto. Negli ultimi anni ha lavorato a progetti di fotografia documentaria a lungo termine in tutto il mondo, alcuni dei quali sono diventati libri, come Toy Stories, In Her Kitchen e The Heavens.

Il lavoro di Gabriele consiste principalmente nel narrare, attraverso ritratti e brevi racconti, le storie di persone provenienti da tutto il mondo, le loro peculiarità e differenze, le cose di cui vanno fieri e gli oggetti di cui si circondano. Al momento Gabriele viaggia molto, lavorando sia a progetti personali, sia condivisi, e su commissione per clienti internazionali. Ha esposto in molte sedi in tutto il mondo.

GLI ARTISTI

IN MOSTRA

Francesco Rucci
Francesco Marinelli

Future food

Future Food è un viaggio tra la documentazione e l’evoluzione del cibo. Un viaggio che mira a rispondere, attraverso le tecnologie alimentari emergenti, a un problema sempre più reale e imminente. […]

Aleksey
Kondratyev

Ice Fishers

Per generazioni, i pescatori kazaki si sono imbarcati sul fiume ghiacciato Ishim, nella speranza di pescare sotto lo strato di ghiaccio. L’Ishim attraversa la Capitale del Paese, Nur-Sultan, una città futuristica e ricca di […]

Flavio & Frank
GABRIELE SURDO

Yeast Stories

In un breve lasso di tempo, il volto della Regione Puglia è completamente cambiato: da meta di un turismo di massa, fatto “solo” di mare cristallino e spiagge dorate, questa terra è diventata la preferita di chi cerca l’autenticità delle cose. […]

Franck
Vogel

Bishnois

I Bishnoi: ecologisti dal XV Secolo. La comunità Bishnoi ha fatto della conservazione della fauna selvatica e della protezione dell’ambiente il lavoro di una vita. Considerando gli animali e gli alberi come membri della loro famiglia […]

Gabriele
Galimberti

In her Kitchen

Il manzo a fettine viene saltato in padella, il pane cuoce nel forno finché la crosta non diventa croccante, il salmone viene servito con rametti di aneto e del limone tagliato a fettine sottili e l’iguana cuoce lentamente nel latte di cocco […]

Ingerid
Jordal

She Hunts

In vista della mia primissima caccia all’alce ero nervosa. In realtà, speravo di non vedere mai un alce, così non avrei dovuto prendere la decisione di premere il grilletto. Quando alla fine ho sparato al primo alce, […]

Valentina Piccinni
JEAN-MARC CAIMI

Fastidiosa

Nella penisola salentina, in Puglia, negli ultimi sette anni, la Xylella Fastidiosa – un batterio patogeno – ha causato la diffusione di una rapida sindrome da disseccamento degli ulivi, un’emergenza fitosanitaria che uccide […]

Manuela
BraunmÜller

One Chicken

Il pollo è il volatile più diffuso al mondo. Originariamente, migliaia di anni fa, si trovava solo nelle giungle del sud-est asiatico. Oggi, la moderna zootecnia ne ha permesso la proliferazione tanto da collocare i polli […]

Marie
Hald

I am Fat

Ne hanno passate troppe. Si rifiutano di vergognarsi. Si rifiutano di nascondersi. E ne hanno abbastanza di essere prese di mira verbalmente, di essere fissate e derise. Di essere oggetto di scherno e odio […]

Michele
Sibiloni

Nsenene

Le cavallette, “nsenene” nella lingua locale, sono tanto una prelibatezza quanto una fonte di reddito in Uganda. Migrano in massa due volte l’anno, subito dopo le stagioni delle piogge, riversandosi nel cielo in enormi stormi […]

Rebecca
RÜêtten

Contemporary Pieces

Contemporary Pieces è un progetto che tratta argomenti quali l’erotismo, la presentazione e il carisma dei dipinti del periodo rinascimentale. Nel tardo Rinascimento (primi anni del 1500), i pittori italiani e olandesi ritraevano […]

Walter
Schels

Plates

Al momento di fotografare, come al solito, non avevo nessuna intenzione, nessuna idea: mi limitavo a osservare i piatti vuoti e i rifiuti, giacché mi piacciono, senza pensarci troppo su. A volte immagino quanti insetti […]